Valori

Non minacciare tuo figlio di portarlo via dal suo sport preferito per aver fallito

Non minacciare tuo figlio di portarlo via dal suo sport preferito per aver fallito


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Sono tanti i padri / madri, che ricorrono alla minaccia con i propri figli di cancellali dal loro sport preferito se non migliorano il rendimento scolastico, cioè se falliscono.

In un primo momento, può sembrare una misura molto opportuna e tutti penseremmo che portarlo via dal suo sport preferito possa essere abbastanza suggestivo per il bambino da adottare altri comportamenti e atteggiamenti davanti allo studio.

Al contrario, a causa della mia formazione ed esperienza, e di quella di altri colleghi pedagogici, sconsigliamo questa misura.

Spiego perché non dovresti minacciare tuo figlio di rimuoverlo dal suo sport preferito per aver fallito.

Personalmente, non conosco un solo caso in cui, adempiendo alla minaccia, il padre allontana il bambino dal suo sport preferito e il bambino diventa un bravo studente. Insisto che non conosco un solo caso.

Molto probabilmente, i brutti voti sono più legati ad aspetti motivazionali, emotivi, abitudini e di routine o anche strategie saper studiare.

Se lo elimini dal suo sport preferito e inizia a studiare (ripeto, non ho visto un solo caso), hai ragione, ma cosa succede se lo porti via dal suo sport preferito e continua a fallire? Che altra possibilità hai?

Fare sport è un accumulo di possibilità che dobbiamo sfruttare nei nostri figli, come: interesse, motivazione, partecipazione a compiti collettivi tra pari, vita sana, tempo libero sano, aumento autostima, accettazione di norme, valori di convivenza, disciplina, impegno, ecc.

Sapendo che è una questione complessa, dal mio punto di vista la soluzione passerebbe attraverso misure come:

1- Aiutalo a studiare. Aiutare a studiare non è fare i compiti, è accompagnarti in quel momento.

2- Avere un incontro con i loro tutor per sapere dove fallisce e quindi mettere soluzioni.

3- Insegnagli a gestire il tempo (i bambini sono specialisti nel perdere tempo) da dedicare allo studio, alla formazione, al tempo libero, ecc.

4- Quella allenatore Sappi che il bambino non sta raggiungendo i risultati attesi da studente, forse l'allenatore può parlare con lui, poiché molte volte dicendo la stessa cosa dei genitori ai bambini, ma in bocche diverse ha un impatto maggiore.

5- D'accordo con l'allenatore su qualsiasi tipo di misura (senza che il bambino lo sappia) che potrebbe avere un impatto sul suo comportamento.

Puoi leggere altri articoli simili a Non minacciare tuo figlio di portarlo via dal suo sport preferito per aver fallito, nella categoria Motivation on site.


Video: APEI Tarracchini Pompei 2013 (Agosto 2022).