Valori

La mia pazienza con le coliche del mio bambino

La mia pazienza con le coliche del mio bambino


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Piangeva senza sosta, diventando rosso mentre agitava le braccia e le gambe senza conforto. Cominciò alle otto del pomeriggio e non smise di soffrire fino alle dodici di sera, quando si addormentò per la noia.

La colica del mio bambino ha messo alla prova la mia pazienza di madre durante quei primi mesi. Ed è che anche se impazziamo chiedendo al pediatra e cercando rimedi in libri e articoli, troviamo sempre la stessa risposta: non c'è niente di veramente efficace contro le coliche perché la scienza medica non ha ancora trovato la causa delle coliche infantili.

Mentre alcune teorie si riferiscono al gas come al male di tutti i mali, il che mette a disagio il bambino stringendo l'addome, in pratica è stato dimostrato che i farmaci antigas non risolvono il problema E se fosse la flatulenza del bambino, sarebbe a disagio dopo ogni poppata, non alla stessa ora ogni giorno; altri accusano l'allergia alle proteine ​​del latte vaccino, ma se così fosse, i bambini allattati al seno non avrebbero coliche e non lo è.

E infine, non si può dimenticare l'ansia materna, l'inesperienza delle neomamme, a cui si attribuisce anche l'aumento del pianto del bambino nel tardo pomeriggio. Ho provato di tutto, con il ciuccio, con il movimento, con i massaggi e con le passeggiate.

Nei miei disperati tentativi di calmare il mio bambino, andavo a fare una passeggiata mezz'ora prima della colica, anche quando pioveva, in giro per il centro commerciale finché non chiudeva e dovevo quasi correre perché mi hanno buttato fuori, lo metterei nel marsupio mentre chiacchieravo con altre mamme nel parco giochi nel caso in cui la conversazione fosse uguale a me e si rilassasse un po ', massaggiandolo in senso orario con musica di sottofondo rilassante per controllare lo stress e calmarlo, facendo sforzi per non mi sono addormentato perché, ovviamente, mi sono rilassato più di lui, l'ho messo in acqua calda, mentre durante il bagno gli ho raccontato delle storie per fargli dimenticare il dolore e l'ho messo in piedi, vicino al mio petto e accanto al mio faccia, finché non cedette davanti al mio fascino.

Sono stati giorni fantastici, i miei trucchi hanno funzionato, mi sentivo felice, un giorno libero! Fantastico! Potrei parlare al telefono, sedermi un po 'davanti al computer e godermi i sorrisi e le smorfie del mio bambino con i nostri giochi. Ne parlavo a tutti e tutti intorno a me sapevano che oggi abbiamo passato una splendida giornata. Ma, altri, impossibile, niente che ha fatto per lui ha funzionato.

All'inizio non potevo fare nulla nel mare della disperazione, ma dopo due settimane di test sono riuscito a iniziare a dominare la situazione. Riconosco che il tuo pediatra mi ha aiutato molto. Sapevo che il mio bambino stava bene e stava bene, non c'era niente che non andava, erano solo coliche e che ogni giorno che passava era uno in meno per raggiungere l'obiettivo del suo terzo compleanno.

E in effetti lo era. Due settimane prima che avesse tre mesi, la colica iniziò a diminuire. Le tre ore di pianto si sono trasformate in un'ora e mezza e non si sono presentati tutti i giorni. Il benessere era tornato a casa.

Puoi leggere altri articoli simili a La mia pazienza con le coliche del mio bambino, nella categoria Coliche infantili in loco.


Video: Colichette neonato, così ci siamo salvati la vita e orecchie! (Settembre 2022).