Valori

7 frasi che non dovresti mai dire a un bambino arrabbiato


Come affrontare un vortice? Lo affronteresti o aspetteresti che ti sorpassi? Lo stesso vale per i capricci e la rabbia nei bambini. In realtà, un bambino arrabbiato è come un turbine, incapace di controllare le sue emozioni. Se ti esponi ad esso, sei perso; se provi a fermarlo ... sicuramente anche tu.

Ci sono parole capaci di generare tante emozioni, di ammorbidirle ... o di peggiorare la situazione. Se provi a fermare una rabbia infantile con una parola inappropriata, il turbine si trasformerà in un uragano. Te lo diciamo quali frasi non dovresti mai dire a un bambino arrabbiato. Per il tuo bene ... e per il suo.

Le parole fanno male. Inoltre guariscono. Quindi imparare a usarli correttamente è un'arte e, naturalmente, una necessità.

Infatti, ci sono parole distruttive (o più) come un pugno. Quindi la cosa migliore è che impariamo a controllarli. Ecco un elenco che non dovresti mai dire a un bambino arrabbiato, se vuoi davvero aiutarlo a gestire la sua rabbia:

1. Non arrabbiarti perché non hai motivo! Bene, il "suo" motivo può essere un po 'insignificante per noi, ma è importante per lui. Il loro mondo è diverso e così è la loro scala di valori. Invece di fargli pensare che le sue cose sono inutili, puoi aiutarlo a canalizzare la sua rabbia.

2. Smettila di lanciare oggetti! Il primo impulso, prima di quel piccolo turbine che comincia a buttare via tutto con rabbia è di proibirglielo. Ma il bambino in quel momento comprenderà il divieto come l'ennesima minaccia e molto probabilmente la sua rabbia crescerà.

3. Non pensare nemmeno di colpire qualcuno! Se in mezzo alla rabbia il bambino inizia a picchiarlo, è normale che tu cerchi di fermarlo. Tutto ha un limite e la loro rabbia li ha superati di gran lunga. Tuttavia, quella frase suona minacciosa e violenta. E sai che la violenza con la violenza non sono buoni compagni. Puoi provare a spiegarglielo senza urlare, seriamente ma senza minacce. Spiega che non si attacca, che tutti ci arrabbiamo ma non si attacca mai.

4. Smetti di fare i capricci ora e fai quello che ti dico ora! Molto bene, sarà chiaro al bambino che hai zero empatia, che non capisci perché è arrabbiato e che anche tu non intendi aiutarlo. A questo punto, i capricci possono aumentare e le urla possono diventare ancora più forti. Ricordati di iniziare sempre le frasi con "So che sei arrabbiato, ti capisco .." e poi spiega perché dovrebbero fermare la loro rabbia.

5. Non più vecchio. piangi, smettila di piangere! Sarai d'accordo che questa è una grande bugia. Perché mentire sulle emozioni? Il bambino penserà che le emozioni non dovrebbero essere esternalizzate, che devono "affogarle" e quindi sacrificarsi e provare un'intensa angoscia e dolore dentro prima di esternare qualsiasi cosa.

6. Smettila di lamentarti! Ancora una volta stiamo indicando al bambino che fa il male, che non dovrebbe esprimere la sua rabbia. Invece, dovremmo insegnargli un altro modo per lamentarsi.

7. Sei impossibile! Oh bene Sei un mostro! Ciò di cui tuo figlio ha bisogno in un momento di rabbia incontrollabile è comprensione, non critiche distruttive di questo tipo. Alla fine, finirai per credere che è vero, che non ha e ha una soluzione, e questo non farà che peggiorare la situazione.

In realtà, quando siamo arrabbiati, ciò che veramente ci aiuta a liberarci è espellere tutto ciò che ci portiamo dentro, giusto? Per questo motivo, la cosa migliore è non mettere ostacoli a quella rabbia che ci portiamo dentro.

Nel caso dei bambini, succede la stessa cosa. Perché non provi questi suggerimenti per aiutare tuo figlio in caso di capricci o rabbia? Provali prima di pronunciare frasi distruttive come "mi stai imbarazzando" o "sei un demone":

1. Usa un grido di guerra. Sì, urlare ci aiuta a liberare la rabbia. Forse perché è come un gesto liberatorio. Abbiamo qualcosa che ci fa stare molto male e lo espelliamo. Puoi cercare un grido di battaglia e insegnare a tuo figlio a usarlo ogni volta che si sente molto arrabbiato. La guerra grida come "Non puoi con me!" Può esserti di grande aiuto.

2. Fagli vedere tutto da un'altra prospettiva. Quando tuo figlio inizia a buttare tutto fuori in un impeto di rabbia, forse invece di urlargli contro, ciò che lo aiuta davvero è che tu lo faccia pensare ... perché lo fa? Se dici: non ti piacciono più quelle cose? Li butti via perché non li vuoi più? Sarà così sorpreso che potrebbe fermarsi, ripensarci e lasciare che il tempo passi e con esso, rabbia.

3. Non lasciarlo oltrepassare certi limiti. Ad esempio, se picchi un altro bambino nel mezzo di un impeto di rabbia, è qualcosa che non puoi permettere. Stabilisci molto bene quel limite perché in caso contrario la rabbia di tuo figlio lo assorbirà completamente. Ricordati di non respingerlo urlando contro di lui o peggio, colpendolo, ma dicendogli con voce ferma che può essere arrabbiato ma non colpito, mai colpito.

4. Mostra empatia. Il bambino, quando si sente compreso e sostenuto, si sente più sicuro, più calmo. Molti bambini hanno solo bisogno di un gesto di comprensione da parte dei loro genitori per aprirsi a "negoziare" e capire perché non dovrebbero comportarsi in questo modo.

5. Lascia che esprima le sue emozioni. Cercare di rallentare un'emozione è come cercare di rallentare un'onda gigante. Alla fine morirai annegando. Quando chiediamo a un bambino di non esprimere le sue emozioni, è come se gli chiedessimo di provare a fermare un'onda gigante. Non sarebbe meglio farlo uscire ma in modo tale da non ferire nessuno? Ciò si ottiene aiutando nostro figlio a canalizzare bene le sue emozioni.

6. Insegnagli dei modi per incanalare la sua rabbia. Disegno, respirazione, musica ... ci sono molti modi per aiutarci a esprimere le nostre emozioni senza danneggiare nessuno. Che ne dici di aiutare tuo figlio a trovare il metodo che funziona meglio per lui?

Puoi leggere altri articoli simili a 7 frasi che non dovresti mai dire a un bambino arrabbiato, nella categoria Condotta in loco.


Video: Le 5 Frasi da non dire assolutamente a tuo figlio! (Potrebbe 2021).