Valori

Le emozioni del neonato. Dalle risate alle lacrime


Potresti aver già capito che il tuo bambino può farlo passare dal ridere al pianto in un breve periodo di tempo e molto facilmente. La ragione di questi sbalzi d'umore sorprendenti è perché emozioni neonateSono caratterizzati dal manifestarsi in modo molto intenso e con una frequenza molto alta, che diminuisce con l'età man mano che il bambino diventa disponibile meccanismi calmanti, che sono il frutto del suo processo di maturazione.

Queste strategie auto-lenitive sono generalmente associate a routine che ti piacciono, come succhiare il pollice o abbracciare il tuo orso, ma richiedono un certo grado di maturazione e sono il risultato di un'evoluzione emotiva.

Lo sviluppo di queste strategie calmanti porterà ad un uso intelligente delle emozioni e sono il seme della capacità che una persona avrà di generare una risposta adeguata a determinate situazioni.

Il pianto È la prima forma di comunicazione del bambino e per i genitori diventa il segnale prioritario a cui prestare attenzione. Generalmente quando smette di piangere ci sorprende stanchi e, insomma, gli prestiamo più attenzione quando sta male e poco quando sta bene.

Gli ultimi studi su Comunicazione gestuale e prosodica del bambino rivelare che dobbiamo evitare di continuare a piangere come unico mezzo di comunicazione con il bambino, prestando maggiore attenzione al comunicazione positiva.

Baci condivisi, abbracci, carezze, parole, canti e giochi fanno parte di questa comunicazione positiva. Ma i bambini non sono sempre così reattivi, quindi sapere quando e come farlo è importante. Rispondere in modo appropriato ai loro bisogni e considerare la loro disponibilità a prestare attenzione alla comunicazione e ai giochi è essenziale per lo sviluppo positivo dell'intelligenza emotiva del bambino. Se sei assonnato o di cattivo umore, non insistere e lascialo per un'altra volta.

I neonati trascorrono circa 9 ore di sonno durante il giorno e circa 8 ore di notte, con intervalli di alimentazione diversi. Se sei attento, quando il tuo bambino si sveglia puoi aiutare a rafforzare il legame affettivo con tuo figlio e aiutarlo a costruire un corretto sviluppo emotivo. Durante la veglia, i bambini attraversano tre fasi di attività ed espressione emotiva:

1. Allerta silenziosa. Avviene non appena ti svegli. Ti sdraierai e immobile, osservando tutto intorno a te. Il tuo respiro sarà regolare e apparirai calmo e soddisfatto. Cogli l'occasione per salutare con gioia, riempi questo momento di piacevoli sensazioni e lui risponderà ai tuoi movimenti e suoni guardandoti negli occhi.

2. Avviso attivo. Sarà interessato agli oggetti visivi e agli stimoli uditivi e cercherà di rispondere ai suoni. Può provare a imitare e giocare con te, muovere le braccia e le gambe e girare il collo per vedere cosa sta succedendo intorno a lui. Puoi sorprenderlo con giocattoli dai colori vivaci, incoraggiarlo con il suo oggetto di attaccamento preferito o esplorare nuovi movimenti con lui.

3. Pianto. In questa terza fase sarai stanco. Soddisfa le sue esigenze di igiene e alimentazione e calmalo cullandolo tra le tue braccia in modo che si senta al sicuro

4. Sognare. Si stropicherà gli occhi, sbadiglierà e forse diventerà un po 'nervoso. È preferibile che tu cerchi di addormentarti da solo durante questa fase di sonno. Se dopo un po 'non ci riesce, puoi cullarlo finché non si addormenta.

Puoi leggere altri articoli simili a Le emozioni del neonato. Dalle risate alle lacrime, nella categoria delle fasi di sviluppo in loco.


Video: 18 Cose Importanti che il Tuo Bimbo Piccolo Sta Cercando di Dirti (Potrebbe 2021).