Ortopedia e traumatologia

Tendinite del polso, il disturbo che attacca i bambini giocatori


Trascorrere ore seduti su una poltrona davanti alla televisione o al computer a giocare a Fornite, Minecraft o FIFA ha gravi conseguenze per la salute dei bambini e può portare a mal di schiena e ciò che non lo è. Il dipendente dai videogiochi, meglio conosciuti come giocatori, non riescono a sostenere la schiena contro lo schienale a causa dell'adrenalina che il gioco genera, quindi si piegano e si avvicinano sempre di più allo schermo. E non è l'unica cosa, ripetendo sempre gli stessi gesti con la mano, soffrono tendinite del polso.

I tendini sono una raccolta di fibre di collagene, piccoli vasi sanguigni e altri elementi che collegano i muscoli alle ossa. In caso di tendinite o tendinosi (che è un processo non infiammatorio ma di tipo più degenerativo), le fibre di collagene diventano "disorientate", disorientate, si verificano cambiamenti vascolari e il nervo nervoso si irrita. Tutto ciò aumenta il dolore, la debolezza del tendine e ne facilita la rottura.

Inizialmente, la tendinite di solito migliora con il movimento. Man mano che peggiora, si preoccupano anche di fare il gesto, causando una limitazione della mobilità, e infine fanno costantemente male anche se l'area specifica non si muove. Nei casi acuti, il dolore aumenta di più durante la notte.

La tendinite si verifica quando il tendine e talvolta le aree vicine si infiammano per diversi motivi, che verranno descritti in dettaglio in seguito. L'infiammazione è il meccanismo che avvia il corpo a cercare di riparare l'area danneggiata.

È importante che avvenga un buon processo infiammatorio in modo che abbia luogo una buona riparazione del tendine. Se blocchiamo l'infiammazione al suo inizio, le prime 6,7 ore, raggiungeremo che la qualità della riparazione dei tessuti non è ottimale. Il problema con l'infiammazione è che diventa cronica nel tempo.

- Sovraccarico dovuto a gesti molto ripetitivi, uso eccessivo e poco riposo, che genera microtraumi ripetitivi nel tendine.

- Cattiva esecuzione del movimento o tecnica sportiva in questione. Esempio, presa errata di una racchetta o, nel nostro caso, cattiva ergonomia del computer, eccessiva tensione del braccio quando si fa clic o si tiene il mouse, ecc.

- Squilibrio posturale. A volte abbiamo una mancanza di coordinazione tra un gruppo muscolare e il suo opposto. Presentiamo più forza, tensione o rigidità in alcuni e mancanza di attività in altri, con cui il corpo è costretto a compensare aumentando la tensione o la richiesta su diversi muscoli o tendini.

- Problemi cervicali o superiori della schiena, che alterano la muscolatura dell'arto superiore.

- Problemi viscerali. Cattive digestioni, reflusso, gas, stitichezza ... Un viscere che non funziona bene, riduce la sua vascolarizzazione e può creare riflessi dolorosi in altri luoghi distanti.

- Cause metaboliche e cattiva alimentazione. La presenza di diabete aumenta notevolmente la probabilità di sviluppare tendiniti, poiché lo zucchero aumenta la rigidità del collagene.

- A alimenti a base di lavorati, Farine raffinate, grassi trans, latticini di bassa qualità, consumo di salsicce e tanta carne rossa, alcol e carente di verdura, frutta, pesce e grassi sani, aumenta l'infiammazione di base del corpo, rendendoci più inclini a molti disturbi.

- Uso di alcuni farmaci. Alcuni antibiotici, statine o inibitori dell'aromatasi, possono peggiorare la qualità del tendine.

Il tendinite del polso più frequente è la chiamata De Quervain. Qui i tendini e le guaine dei muscoli separatori ed estensori del pollice si infiammano.

È molto tipico delle persone che passano molte ore davanti al computer, mamme che hanno appena avuto un bambino, addetti alle pulizie, giardinieri ... Tutte azioni che comportano movimenti ripetitivi della mano o del polso.

Questa tendinite provoca dolore intorno al pollice e ai suoi muscoli, al polso e persino all'avambraccio e provoca disagio quando si eseguono movimenti con il pollice come afferrare o allungare questi tendini.

Un esercizio che dà fastidio, ma va molto bene per allungare e mobilizzare i tendini all'interno della loro guaina è quello che possiamo eseguire noi stessi, afferrando il pollice con il resto delle dita della mano, posizionando il gomito in una flessione di 90 °, colpendo la faccia anteriore dell'avambraccio al nostro fianco, e compiendo un movimento del polso di "deviazione ulnare" (come se si volesse portare il mignolo verso terra).

Questo allungamento deve essere fatto fino a quando non sentiamo tensione e lo manterremo almeno un paio di minuti. Se il disagio scompare in meno tempo, possiamo aumentare un po 'di più l'allungamento e mantenere gli altri minuti nella nuova posizione.

Per evitare tendiniti croniche, raccomandiamo la fisioterapia e il trattamento dell'osteopatia nelle prime fasi. Più a lungo dura questa condizione, più strutture coinvolge, più fibrosi si verifica e più tempo ci vorrà per recuperare.

Il fisioterapista farà una diagnosi per cercare di scoprire l'origine della tendinite e curerà il collo, la colonna vertebrale, il diaframma, il braccio o il sistema viscerale del paziente se è correlato a tendinite.

All'inizio si eseguiranno stretching, mobilizzazione dolce e contrazioni isometriche del muscolo senza forzature (si contrae senza alcun movimento articolare), poi si andranno a eseguire esercizi isotonici e finiremo per fare esercizi eccentrici nell'ultima fase di recupero (dove il muscolo si attiva quando è in stretch). Attraverso il tensionamento controllato del tendine si ottiene la sintesi del collagene.

Quando c'è molta infiammazione, utilizziamo tecniche di drenaggio linfatico manuale, tecniche miofasciali, elettroterapia, e possiamo aiutarci con apparecchi come INDIBA (Una radiofrequenza che ci aiuta a migliorare il tendine sia nella fase acuta che cronica, a seconda di come utilizziamo le diverse frequenze e intensità e modalità resistiva o capacitiva).

L'EPI (elettrolisi intratissutale percutanea), pur essendo una tecnica invasiva, offre ottimi risultati anche nelle tendinopatie croniche. Consiste nell'introdurre una corrente galvanica nel tendine, utilizzando un ago per agopuntura che attiva la riparazione dei tessuti.

Un'altra tecnica utilizzata in la tendinite è CYRIAX o massaggio trasversale profondo. Consiste nel fare una frizione profonda senza crema o olio, in modo da non scivolare sulla pelle, perpendicolare al tendine, facendo passaggi sull'uno e sull'altro lato di esso. Si conserva per alcuni minuti, secondo la tolleranza del paziente. Dopodiché non metteremo il ghiaccio, poiché ciò che si intende è favorire il riarrangiamento delle fibre di collagene nella direzione corretta e rompere le aderenze.

Questo trattamento da parte di un professionista può essere integrato con alcune linee guida da seguire:

- Lui Riposo totale Non è consigliato, poiché l'immobilità ostacola il lavoro del sistema linfatico, essenziale per eliminare le sostanze che si accumulano nell'area dell'infiammazione e producono maggiore rigidità dei tessuti. Ma il riposo relativo è necessario per migliorare la patologia.

- Il trasporto di pesi dovrebbe essere evitato, e eseguire il più possibile i movimenti ripetuti che provocano il disagio.

- Gli ultimi studi suggeriscono che anche gli antinfiammatori non sono indicati, (tranne in casi specifici), poiché interferiscono con il meccanismo di risoluzione dell'infiammazione e, sebbene sembrino accelerare il recupero, c'è una peggiore guarigione delle fibre tendinee.

- Per quanto riguarda la uso del ghiaccio, Aiuta a ridurre il dolore poiché riduce l'infiammazione, ma sembra che interferisca anche (anche se in misura minore rispetto agli antinfiammatori), nel recupero delle fibre di collagene, producendo con il suo utilizzo una minore dimensione delle fibre muscolari rigenerate.

- Una pratica che non interferisce con il normale processo di infiammazione è la vecchia eintonaco di argilla verde o rossa. Consiste nel mescolare l'argilla con l'acqua e lasciarli per diverse ore nella zona infiammata. Sopra mettiamo un panno e lo arrotoliamo con pellicola trasparente.

-Per migliorare il processo infiammatorio possiamo aumangiare grassi di qualità(avocado, olio di semi di prima spremitura a freddo, pesce grasso ...) che contengono GLA, DHA, EPA ... e produrranno lipossine, resolvin, protettive che aiutano a risolvere l'infiammazione.

- Possiamo aiutare a formare il collagene integrando la vitamina C, consumare cibi che lo contengono, o assumere aminoacidi come glicina o prolina, presenti nella gelatina che si produce quando la pelle è cotta, ossa, tendini o legamenti di bovini o pesci.

Puoi leggere altri articoli simili a Tendinite del polso, il disturbo che attacca i bambini giocatori, nella categoria Ortopedia e traumatologia in loco.


Video: Tendinite, dolore alla mano, braccio e avambraccio, possibili soluzioni - Massimo Varini #04 (Potrebbe 2021).