L'allattamento al seno

Suggerimenti per l'allattamento al seno di successo con un capezzolo piatto e invertito


Sei incinta e felice perché presto avrai il tuo bambino in braccio, ma allo stesso tempo molto preoccupata perché vuoi dare il latte materno e hai i capezzoli piatti. La tua famiglia insiste che ti dimentichi di allattare perché sarà impossibile allattare con i tuoi capezzoli in questo modo e non sai cosa fare. È vero che i capezzoli piatti e invertiti rendono impossibile l'allattamento al seno? O è solo un mito? Vediamo se dopo aver letto questo articolo il tuo umore e, ovviamente, la tua realtà cambia!

Esistono diversi tipi di capezzoli e diverse dimensioni di seno, ma né le dimensioni del tuo seno, né la forma dei tuoi capezzoli sono un ostacolo all'allattamento al seno. Perché? È qualcosa di molto semplice: il bambino dovrebbe succhiare dal seno (areola) e non dal capezzolo.

Ma prima di tutto, definiamo quelli che chiamiamo capezzoli piatti. Questi sono capezzoli che non sporgono, cioè non escono, non diventano erettili con il freddo o con la stimolazione; al contrario, i capezzoli invertiti sono quelli che sono proiettati nel petto, cioè infossati. E, buone notizie, in entrambi i casi puoi allattare, solo che all'inizio potresti avere qualche difficoltà.

È importante che tu sappia che semplicemente posizionando il tuo bambino sul seno, avendo un contatto pelle a pelle e stabilendo un'aspirazione adeguata, il capezzolo può sporgere spontaneamente. Devi solo essere paziente e imparare come attaccare tuo figlio al petto.

In precedenza, il Tecnica di Hoffman durante la gravidanza, che consiste in una serie di massaggi per aiutare la sporgenza del capezzolo (i pollici sono posti alla base dell'areola, sui lati opposti, e la pelle viene tesa verso l'esterno, allontanando un dito dall'altro con movimenti orizzontale e verticale), ma questo è in disuso, poiché non ci sono prove che sia benefico; al contrario può innescare contrazioni uterine e non aiuta l'uscita del capezzolo, quindi i massaggi e le tecniche per rimuovere il capezzolo durante la gravidanza sono inefficaci, aspetta che nasca il tuo bambino e attaccalo a te!

In ogni caso, è importante che tu sappia che il successo dell'allattamento al seno dipenderà da un buon aggancio al seno, cioè il tuo bambino dovrebbe prendere una buona porzione dell'areola (la parte più scura del tuo seno) e non il capezzolo. Se si attacca solo a quest'ultimo, la presa è inadeguata e questo è ciò che provoca la comparsa di dolore, crepe o fessure e lì può essere influenzato l'allattamento al seno.

Il capezzolo è semplicemente una guida per la presa, non è necessario più per poter allattare, tranne che c'è un capezzolo con inversione completa, nel qual caso le aderenze che lo trattengono verso l'interno sono così forti che è impossibile che sporga e, a volte, potrebbe causare dolore al petto e / o o difficoltà di afferrare da parte del tuo bambino.

Per facilitare l'attaccamento, molte donne pensano di usare i paracapezzoli, perché dubitano che siano utili. La verità è che il loro utilizzo è molto controverso ed è sempre stato oggetto di dibattito nel campo dell'allattamento al seno, così come ci sono specialisti dell'allattamento che li consigliano. Personalmente ritengo che tutto dipenderà dal fatto che funzioni per la mamma, cioè se le usi, va bene per te e risolve il tuo problema, quindi vai avanti! Devi solo trovare la taglia giusta in modo che il capezzolo non faccia male con il suo utilizzo, senza provare nulla perdi!

Un'altra strategia che puoi applicare è l'uso di un tiralatte, usandolo appena prima di offrire il seno al tuo bambino, può essere di grande aiuto. Sarà un modo per far uscire il capezzolo, per far sì che il latte inizi a fluire e perché il tuo bambino 'ci salti' rapidamente dentro.

Ti consiglio anche di provare diverse posture per l'allattamento: la postura classica o da culla, ma anche la postura della palla o, perché no, sdraiata. Il fatto è che voi due state bene.

E il miglior consiglio che posso darti, è importante che ti fidi di te stesso e che sei convinto che le difficoltà in questa materia possano essere superate. Chiedi aiuto a un consulente o uno specialista dell'allattamento, ricorda che il tuo bambino dovrebbe spalancare la bocca per favorire un corretto aggancio, inoltre prendi il seno con le dita cercando di allungare la pelle che copre il capezzolo prima di allattare il bambino. Buon allattamento al seno!

Puoi leggere altri articoli simili a Suggerimenti per l'allattamento al seno di successo con un capezzolo piatto e capovolto, nella categoria Allattamento al seno in loco.

Video: Allattamento al seno, consigli pratici (Dicembre 2020).