Malattie - disagio

Disagio più frequente e comune alle gambe delle donne in gravidanza

Disagio più frequente e comune alle gambe delle donne in gravidanza


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La gravidanza è una situazione fisiologica in cui si verificano alterazioni ormonali e in cui la donna sperimenta una serie di cambiamenti nel volume del sangue, nella funzione cardiaca e nella funzione renale per soddisfare le crescenti esigenze del feto. Questi cambiamenti possono causare qualche disagio, specialmente nella tarda gravidanza. Vuoi sapere quali sono i fastidi più comuni e frequenti alle gambe delle donne in gravidanza? Prendi nota di loro e di come alleviarli

Uno dei disagi più frequenti durante la gravidanza è la comparsa di edema o gonfiore alle gambe e vene varicose, spesso accompagnate da dolore.

Durante la gravidanza, l'utero cresce ed esercita una pressione sui vasi sanguigni che trasportano il sangue dagli arti inferiori al cuore. A causa di questa compressione il ritorno venoso viene ostacolato, la circolazione rallenta e favorisce la ritenzione di sangue e liquidi nelle zone inferiori del corpo (gambe e piedi).

Questa è l'origine di molti sintomi e problemi che si verificano soprattutto alla fine della gravidanza, come gonfiore ai piedi e alle caviglie, dolori alle gambe e ai piedi, vene varicose ... Questi disagi possono aumentare nell'ultimo trimestre di gravidanza e alla fine della giornata , anche in gravidanze multiple, e di solito scompaiono dopo il parto poiché non c'è pressione dall'utero sui vasi sanguigni. È normale per le donne sudare e urinare molto e spesso dopo il parto per eliminare questo liquido in eccesso.

A causa di questa insufficienza venosa in gravidanza, possono comparire anche vene varicose o vene varicose dovute al gonfiore e dilatazione del tessuto venoso delle gambe e, addirittura, della vulva, che è aumentata dall'aumento degli estrogeni e da alcuni fattori genetici. Per questo stesso motivo compaiono anche le emorroidi.

È, come abbiamo detto, uno dei sintomi più comuni in una donna che aspetta un bambino, ma fortunatamente ci sono alcune misure da adottare per cercare di alleviare questo dolore, gonfiore e fastidio.

- Evita un aumento di peso eccessivo durante la gravidanza.

- Tieni le gambe sollevate il più a lungo possibile: al lavoro, a casa, sul divano ... In questo modo favoriamo il ritorno venoso.

- Sdraiati sul lato sinistro, in modo che l'utero non prema la vena cava che si trova più a destra.

- Evitare di stare in piedi o seduti a lungo e con le gambe incrociate, poiché favorisce l'accumulo di sangue e liquidi nei piedi e nelle gambe.

- Evita indumenti stretti, calze, biancheria intima, pantaloni che esercitano molta pressione ...

- Massaggi delicati, rilassanti e drenanti per favorire il ritorno venoso. Si possono utilizzare creme e gel decongestionanti e rinfrescanti.

- Eseguire un moderato esercizio fisico, almeno 20-30 minuti al giorno, poiché le contrazioni muscolari favoriscono il ritorno venoso. Ad esempio: camminare, pilates, yoga, nuoto per donne incinte o ostetriche ...

- Eseguire esercizi circolatori dei piedi e delle gambe (flessione dorsale, rotazione dei piedi ...).

- Le calze a compressione possono essere utilizzate durante il giorno.

- Alimentazione sana, prestando particolare attenzione all'idratazione.

- Evita la stitichezza.

È molto comune che gonfiore o edema si verifichino agli arti inferiori durante la gravidanza senza alcuna ripercussione, tuttavia, dovresti consultare uno specialista per escludere altre complicazioni se:

- avverte dolore improvviso alla coscia e / o alla gamba, prurito (prurito), dolorabilità, arrossamento della pelle e indurimento del tessuto intorno alle vene varicose, poiché potrebbe essere un segno di tromboflebite o trombosi. (Se è prevista un'immobilizzazione prolungata o un viaggio aereo, consultare uno specialista prima di farlo. Esistono alcuni farmaci per prevenire la trombosi)

- L'edema persiste per tutto il giorno e non diminuisce nonostante le raccomandazioni sopra menzionate. Quindi devi controllare la pressione sanguigna, per escludere la preeclampsia.

Non dimenticare che la migliore soluzione per questi fastidi tipici della gravidanza è la prevenzione (esercizio fisico, dieta sana ...). In caso di dubbio, consultare il proprio specialista di riferimento (ostetrica, ginecologo, medico di base ...).

Puoi leggere altri articoli simili a Disagio più frequente e comune alle gambe delle donne in gravidanza, nella categoria Malattie - fastidi in loco.


Video: Esercizi per gambe e glutei in Gravidanza (Settembre 2022).